Tag: Supervisione

Struttura corso triennale

Come si articola la formazione in counseling di Collage

La struttura del corso di formazione triennale in counseling professionale a indirizzo bioenergetico-gestaltico integrato di Collage, riconosciuto da AssoCounseling (cert. 0174/2018) prevede, come da contratto stipulato tra la Scuola e gli allievi:

1)  24/26 giornate l’anno di 8 ore ciascuna, per un totale di oltre 600 ore nel triennio.

Continua a leggere

Studio Collage

Un doppio spazio multifunzionale

Lo Studio Collage, in via Fornari 46 a Milano (tra piazzale Gambara e piazza Tripoli), è un doppio spazio piacevole, accogliente e silenzioso, che fa da perfetta cornice a una relazione in cui sono favoriti l’empatia e l’ascolto, dove proporre sessioni individuali e incontri di gruppo.

Continua a leggere

Tirocinio e Convenzioni

Le strutture convenzionate con Collage per il tirocinio degli allievi della Scuola Triennale

A partire dai primi incontri del Modulo 1 gli allievi sperimentano la conduzione di colloqui di counseling all’intendo della propria classe, un allenamento utilissimo per prepararsi al tirocinio vero e proprio che  si effettuerà nei Moduli 2 e 3.

La struttura del corso di counseling prevede, infatti,  un tirocinio pratico-formativo di counseling a partire dalla metà del secondo anno di corso, di almeno 150 ore da effettuarsi presso strutture convenzionate con la Scuola e, per massimo 30 ore sul totale, con clienti privati.
La direzione della Scuola si riserva di dare a ogni allievo la conferma o meno dell’opportunità di cominciare il tirocinio già dal secondo anno, piuttosto che posticiparlo all’anno successivo, sulla base delle attitudini e del percorso personale svolto.

Le strutture convenzionate sono scuole, onlus, aziende, consultori, associazioni.
Le convenzioni hanno durata annuale e rinnovabile.
Su proposta degli enti o degli allievi stessi è possibile attivare nuove convenzioni.

Sempre dal secondo anno di corso, in conseguenza del tirocinio, almeno 20 incontri mensili di supervisione (gruppi tenuti da un supervisore, di discussione sui casi del tirocinio) della durata di 3 ore ciascuno, per un totale di 60 ore.
La supervisione deve proseguire finché il tirocinio non viene completato e gli incontri di supervisione persi devono essere recuperati.

 

Alessandra Callegari

Mi presento
Sono counselor a orientamento bioenergetico, life coach e formatrice. Supervisor Trainer Counselor AssoCounseling.

In COLLAGE

Sono Responsabile e Direttore Didattico con Alessandra Di Minno. Ho alcune giornate di docenze in ogni annualità, conduco i laboratori di esperienza corporea e la formazione in Enneagramma, oltre a un gruppo di supervisione di counseling.

La mia attività oggi…
Propongo sessioni individuali di counseling, di coaching e di crescita personale e sessioni di counseling di coppia e familiare. Conduco seminari di gruppo su consapevolezza corporea, enneagramma, costellazioni biogestaltiche. Sull’Enneagramma in particolare propongo seminari, per principianti e per professionisti, in presenza e anche online.

… e in passato
Sono laureata in Filosofia e per 25 anni ho lavorato come giornalista professionista, esperta di comunicazione, viaggi e benessere, in diverse redazioni di quotidiani e periodici e poi come free lance. Ho pubblicato, da sola e con altri, alcuni libri su temi di benessere, comunicazione, costume, viaggio e ho collaborato con diverse case editrici come traduttrice e curatrice di testi di psicologia e di narrativa.

Cosa so fare …e mi piace
Amo la vita in tutte le sue espressioni… e avendo sempre avuto molta energia, anche oggi – a 66 anni compiuti – sento la voglia e la capacità di rimettermi in gioco e di lanciarmi in nuove avventure.
E accanto a me oggi non ho solo fidati amici a quattro zampe come quelli che mi hanno seguito negli anni e come me resistono agli assalti dell’età… ma una famiglia umana, con due meravigliosi gemelli dodicenni che mi fanno da specchio e una compagna con la quale riesco incredibilmente a condividere tutto.

Esplorare universi
Viaggiare è sempre stata una mia grande passione… e ho avuto la fortuna di viaggiare tanto, soprattutto in Africa: mi è rimasta nel cuore, a cominciare dai paesaggi infiniti e silenti del Sahara. Fare la giornalista mi ha permesso di soddisfare le mie curiosità, di incontrare persone e conoscere realtà molto diverse, offrendomi l’occasione per sperimentarmi nelle relazioni più varie.
Così, il passaggio dai viaggi in giro per il mondo a quelli nell’intimo delle persone è stato naturale: e mi sento molto fortunata perché nella vita ho potuto sempre esplorare universi e lavorare facendo quello che mi piaceva e mi gratificava, godendo della ricchezza delle esperienze che la mia professione di volta in volta mi permetteva.

Che cosa vorrei
Amo da sempre “fare rete”: mettere insieme persone, creare contenitori in cui condividere esperienze, portare nel mondo testimonianza di ciò in cui credo e che ritengo valore.
Per questo ho creato Collage con un gruppo di persone che hanno la mia stessa visione: per contribuire, insieme, a creare comunità e cultura. E diffondere il counseling come modo di essere e stare in relazione con sé e con gli altri.

Alessandra Callegari
Studio Collage, Via Pasquale Fornari 46, 20146 Milano
Tel. 339 5324006
Email: alecallalecall@gmail.cominfo@counseling-bioenergetica.itcallegari@collagecounseling.it
Sito web: www.alessandracallegari.it

Maria Pia Fraccaro

Mi presento
Sono psicomotricista e counselor familiare e lavoro nel mio studio privato dopo aver lavorato per anni in consultorio. Professional Supervisor Counselor AssoCounseling.

In COLLAGE
Tengo due docenze, sul linguaggio verbale e corporeo e su autenticità e spontaneità nel counseling.

L’ascolto del corpo
La mia ventennale esperienza nell’ambito dell’aiuto al bambino e alla famiglia si fonda su una certezza: saper veramente ascoltare il corpo dell’altro favorisce e migliora qualsiasi dinamica relazionale per l’importanza che assume l’espressività fisica in ogni rapporto umano. Questo diventa essenziale nell’interazione col bambino, che fa del proprio corpo e dei propri movimenti la sua vera comunicazione.
Quando mi sono iscritta alla facoltà di Medicina non mi era così chiaro, ma alla fine del secondo anno già avevo preso la mia decisione: una visione solo “organica” del nostro corpo non era la mia. Così ho intrapreso la formazione triennale con Bernard Aucouturier per diventare psicomotricista.
Con il linguaggio non verbale, il corpo diventa una voce da “ascoltare”. Ma cosa fare se non ci è comprensibile? Il compito della formazione diventa quello di acquisire un “dizionario” che consenta di decifrare, di tradurre, di comprendere.
E così sono diventata counselor bioenergetico per essere ancora più efficace nell’accompagnare genitori e insegnanti.

Il valore della deontologia
La mia naturale propensione alla chiarezza e alla distinzione dei ruoli mi ha fatto approfondire anche la deontologia della mia professione: sono diventata Supervisor per accompagnare gli allievi e i counselor professionisti al rispetto dei propri e altrui confini emotivi.

Altro di me
Amo il teatro e il teatrodanza. Devo rivelare che a vent’anni ho anche lavorato in teatro con un maestro dell’avanguardia. Erano gli anni prolifici delle sperimentazioni e facevamo teatro sperimentando altri linguaggi che non fosse semplicemente quello verbale.
Qualcuno ha indovinato il leit motiv della mia formazione?

Maria Pia Fraccaro
Modelli di comunicazione
via Garofalo 4, 20133 Milano
Tel. 328 3244492
Email: m.fraccaro@fastwebnet.it

Michele Marangi

Mi presento
Sono un formatore e supervisore, che si occupa di analisi dei media e progetta comunicazione efficace, secondo logiche partecipative e inclusive.

In COLLAGE
Sono docente e tengo una lezione sulla Promozione del counseling e la comunicazione in una prospettiva psico-sociale.

Il mio percorso professionale
Mi ha sempre affascinato lavorare sulla messa in crisi dei concetti di realtà oggettiva e di normalità. Preferisco far emergere prospettive e lavorare sulle percezioni, personali e sociali.
Credo che lavorare sui, con e per i media e sulla comunicazione non possa ridursi a meri specialismi o tecnicismi, ma abbia a che fare con una visione sociale e culturale del mondo in cui viviamo e dei tempi che abitiamo. Forse è per questo che mi appassiona ipotizzare e realizzare forme dì storytelling che non si limitino al marketing e al persuasivo, secondo schemi predefiniti, ma che viceversa riescano ad essere rigorosi e creativi, alternativi e spiazzanti.

Il digitale rappresenta sicuramente una radicale trasformazione in molti campi, non solo comunicativi e tecnologici. Anche se il presente scricchiola e il futuro non sembra roseo, confido nelle prospettive di Jenkins: convergenza tra media, codici e linguaggi, intelligenza collettiva e pratiche partecipative.

Che cosa faccio
Mi occupo di analisi dei media da trent’anni, dal cinema ai social network, attraversando spot, clip e serie tv. La mia parte semiotica e strutturalista ha imparato a convivere con un approccio pedagogico e con la prospettiva dei Cultural Studies.

Sono docente a contratto a Scienze della Formazione in Cattolica a Milano, ove faccio parte del CREMIT (Centro di ricerca sull’educazione ai media, all’informazione, alle tecnologie) e insegno anche nei Master in Competenze interculturali e Comunicare lo sport.
Ho fondato con altri due soci SteadycamOFF, una società specializzata in formazione sui media digitali e in produzione comunicativa secondo le logiche del marketing sociale.

Altro di me
Sono convinto che i gatti siano forme di intelligenza superiore.
Penso che il basket rappresenti lo sport perfetto, soprattutto nella filosofia Spurs, con Gregg Popovich come mente e Manu Ginobili come braccio. Eppure continuo a essere abbonato al Toro, un’esperienza catartica di sublimazione dell’irraggiungibile che si rinnova ogni settimana.
Se dovessi scegliere tre registi non avrei dubbi su Bunuel e Lynch, poi sarebbe una bella lotta tra Scorsese e Truffaut. Per le serie tv Mad Men, Breaking Bad e Black Mirror.
In teoria vivo a Torino, ma il treno sta diventando il mio habitat naturale. Frequentare Milano mi ha fatto ricredere sui pregiudizi che spesso la circondano.
Ancora una volta, è tutta una questione di sguardi…

Michele Marangi

Tel. 380 3264650
Email: michemarangi@gmail.com

  • 1
  • 2
Collage Counseling
Seguici

Collage Counseling di ASSOCIAZIONE COLLAGE |
sede legale: via Fornari 46 - 20146 Milano MI / P.I. 10476070965 / C.F. 97826270155 |
info@collagecounseling.it - collagecounseling@pec.it
©Tutti i diritti riservati

Cookie policy | Privacy Policy
Made with love by Gdmtech